Subforum del Gioco di Ruolo Online Regni Rinascimentali


Non sei connesso Connettiti o registrati

Santa Messa del 18 aprile a458

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Santa Messa del 18 aprile a458 il Dom Apr 18, 2010 8:53 am

tacuma

avatar
Dignitario
Dignitario

Padre Tacuma si avvio' verso l'altare con passo deciso.
Quel mattino era sereno e felice nel vedere i suoi confratelli in attesa.
Giunto presso l'altare guardo' sorridendo i presenti ed inizio' a parlare

Fratelli vorrei parlarvi della nascita di Aristotele, del nostro primo profeta, e degli insegnamenti che da tale eveto dobbiamo derivare.E nel contempo vorrei leggeri un altro passo dedicato alla vocazione, poiche ' a mio avviso sono concatenati e paralleli.

Apri' il libro della virtu' e lentamente ma con voce ferma inizio' la lettura dal punto in cui il padre di Aristotele accoglie il neonato.

L’uomo si avvicinò rispettosamente al neonato, lo
prese in braccio, lo sollevò verso il cielo dicendo: “Potenze celesti,
vi affido mio figlio. Dategli una vita retta e giusta. Possa egli avere
un cuore puro, un’intelligenza vivace e una virtù impeccabile. Possa la
vostra saggezza guidare i suoi passi e i suoi pensieri, affinché la sua
esistenza sia come una solida quercia all’ombra della quale gli
infelici verranno a riposarsi.


E poi continuo' la lettura dell'altro passo...


Christos si volse allora verso Titus, che se ne stava là…

“Tito, amico mio, avvicinati. Tito, tu sei forte e vigoroso. Mi puoi
aiutare nel portare avanti questa comunità; tu sarai il mio secondo.
Ora Tito, tu sei un titano, ed è con l'aiuto della tua forza che
costruirò una Chiesa titanica!”


Ho sempre pensato che noi dobbiamo essere come
quelle querce, alla cui ombra gli infelici potranno riposare, uomini giusti e retti, dal cuore puro, uomini di virtu',uomini che per l'Altissimo lavorano, che per portare la sua voce presso le genti abbandonano le lro famiglie ed ogni lusso.
Ed altresi'Ognuno di noi puo' essere quel titano ed e' cosi' che potremo costruire ed innalzare quella Chiesa di cui Christos pose le fondamenta.

Colui che "sente" di poter intraprendere il cammino che porta verso l'Altissimo, non resti tacito ed immobile, ma lavori con amore e dedizione.
Allorche' il signore ci chiamo'eravamo coscienti che saremmo stati pronti ad accogliere le richieste dell'Altissimo con umilta' e serenita'.

Ed e' anche per questo nostro lavoro che chiediamo al Signore di guidarci ed aiutarci con l'amore che lo ispira in ogni suo disegno e benidire il nostro operato presso le nostre genti e i nostri affetti.
Amen
.

Congiunse le mani e ringrazio' il Signore per avergli donato tutto cio'.


_________________

2 Re: Santa Messa del 18 aprile a458 il Dom Apr 18, 2010 5:25 pm

Kemnos

avatar
Dignitario Onorario
Dignitario Onorario
"Amen"

Padre Ennio aveva ascoltato con attenzione le parole di Padre Tacuma e naturalmente le condivideva pienamente. Anch'egli peccava a volte di accidia ma poi si ravvedeva appena se ne rendeva conto.


_________________
Padre Ennio "Kemnos" Borromeo Pelagio

- Arcivescovo di Ravenna-
- Gran Priore dell'Ordine di San Domenico -

3 Re: Santa Messa del 18 aprile a458 il Dom Apr 18, 2010 6:37 pm

Eckart

avatar
Spirito Inquieto
Spirito Inquieto
Ascoltando la Santa Messa tenuta da Maestro Tacuma, Eckart non potè fare a meno che pregare l'Altissimo affinchè lo aiutasse a diventare una quercia, così come l'aveva descritta il Padre Suo.

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum