Monastero Aristotelico di San Domenico

Subforum del Gioco di Ruolo Online Regni Rinascimentali
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Santa Messa del 9 Maggio 1458

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Eckart
Spirito Inquieto
Spirito Inquieto
avatar

Numero di messaggi : 175
Data d'iscrizione : 08.01.10

MessaggioTitolo: Santa Messa del 9 Maggio 1458   Dom Mag 09, 2010 10:36 am

Quella prima Domenica da che fu prete, Eckart raggiunse la Sagrestia, per vestire i Sacri Paramenti, ed avviarsi a celebrare la sua prima Messa... nel luogo che aveva visto crescere la sua fede, e che lo aveva innalzato al Sacerdozio. Di certo... ancora... qualche timore lo prendeva in animo... ma maggiore era l'emozionarsi e la presa di responsabilità.
Quando fu pronto... entrò presso la Cappella di San Domenico... volse uno sguardo ai Fratelli... scorse coloro che avevano saputo essere vere guide, come Maestri e come Amici. Fece un sospiro, e cercò di concentrarsi fin dalla prima parola che avesse proferito: poiché non voleva deludere nessuno, cercò di onorare fino in fondo quell'alto impegno.
Quindi disse:

Fratelli miei... questo è un momento per me davvero sentito... ma mi aiuta pensare di essere fra Voi, che avete sempre dimostrato di essermi vicini, nei momenti anche tristi e disperati, senza mai mancare al Vostro ruolo di guida nella fede, con saggezza e lungimiranza. Mi auguro vivamente che questa ordinazione sia stata gradita e Vi abbia portato un poco di gioia, come è stato in fondo per me. I frutti della preghiera a volte hanno segno tangibile... e penso che si possa ben lodare l'Altissimo. Per la celebrazione, ho scelto una lettura forse non tra le più sofisticate, ma trovo che questo passo del Libro delle Virtù sia, a parte molto bello e in tema per le nostre vite, anche significativo di ciò che gli uomini possono dare, a partire dalla loro essenza, per esprimersi poi in vocazioni particolari.

Noi ci poniamo alle comunità che amministriamo come Ministri del Culto, interpretiamo in tal senso il nostro lavoro, ma ogni uomo ha la sua parte nel mondo, ogni attività è gradita agli occhi di Dio... se in armonia con quanto da lui predisposto. Leggendo ora... vorrei dedicare un pensiero particolare ai miei parrocchiani di Padova e Venezia... In questi giorni ho cercato di interpretare le loro difficoltà... Penso che sia un momento particolare questo, che sicuramente dovrà trovare un conforto... e una vicinanza. Ovviamente prego che l'Altissimo possa dare a Voi tutti il piacere e la voglia di stare accanto ai Vostri figli, alle Vostre genti.


Cioddetto, Eckart lesse:

Citazione :
Col lavoro svolto dal tempo, gli uomini e le donne divennero sempre più
numerosi, conservando il loro amore per Dio e scacciando nell’ombra la
Creatura senza nome. Quest’ultima alimentava ogni giorno di più la sua
amarezza e la sua collera verso quel popolo tanto amato da Dio, che le
aveva tolto il ruolo di regina della Creazione. Gli uomini e le donne
vivevano spensierati, mentre nell’ombra il loro nemico preparava la sua
vendetta.

Dio aveva ordinato agli uomini e alle donne di lavorare per assicurarsi
il sostentamento. Questo duro lavoro li allontanava così dall’accidia.
E gli uomini e le donne sapevano essere inventivi, poiché Dio li aveva
concepiti così. Raccoglievano quello che Lui aveva messo per loro nella
natura. Si misero a controllare tali risorse per assicurarsi il loro
sostentamento e la loro vita non poté risultare che migliore.

Presero il grano che cresceva in natura e lo coltivarono nei loro
campi. Il mugnaio trasformò il grano in farina nel suo mulino. Il
panettiere la cosse nel suo forno per fare il pane. Presero il mais che
cresceva in natura e lo coltivarono nei loro campi. Presero le verdure
che crescevano in natura e le coltivarono nei loro orti. Colsero i
frutti che si trovavano su certi alberi e poterono così nutrirsene. Il
piacere fornito dalle verdure e dai frutti li rendeva più piacevoli da
frequentare.

Pescarono il pesce dal mare, dai fiumi e dai laghi. E la loro
intelligenza fu accresciuta. Inventarono la barca e i pesci divennero
ancora più numerosi nelle loro mani. Talvolta, qualcuno di loro si
svegliava una mattina sotto a una barca. Allora pregavano Dio per quel
regalo. Allevarono mucche, maiali e pecore nei loro pascoli, avendo
cura di queste creature che Dio aveva affidato loro. Le nutrirono e
queste creature divennero più grasse.

Il macellaio preparò la carne a partire dalle carcasse di queste
creature. A tal scopo, inventarono il coltello, strumento che
permetteva di separare le diverse carni tra loro. La carne che ne
ricavarono li nutriva, ma soprattutto si sentivano più forti dopo
averla mangiata. Dalle mucche presero anche il latte, dolce e
incomparabile nettare.

Tosarono le pecore e ne ricavarono la lana. Conservarono le pelli per
trasformarle in cuoio. Il tessitore cucì la lana e il cuoio per
realizzare vestiti, che li proteggevano dal vento e garantivano la
decenza del loro apparire. Dato che la natura dava loro accesso a tutto
quello che potevano desiderare, dovettero inventare le botti, dove
poterono immagazzinare i frutti del loro lavoro.

Per proteggersi quando le porte del cielo si aprivano, crearono le case
e vi abitarono. Le arredarono con letti, candele, tavoli, sedie… e
tutto quello che poteva rendere la loro vita più comoda. Perciò il
minatore estrasse la pietra e il ferro nelle miniere. E il boscaiolo
tagliò il legno degli alberi. Per facilitare tale lavoro, il fabbro
modellò il ferro e il legno per forgiare utensili come le asce o i
coltelli.

Talvolta, Dio contribuiva a quest’età dell’oro offrendo cibo a coloro
che sapevano amare il mondo; essi non erano così obbligati a produrlo.
Talvolta, inoltre, li incoraggiava rendendoli temporaneamente più
forti, più intelligenti o più carismatici. E la domenica, prima del
pranzo, si riunivano al centro del loro villaggio, intorno alla tomba
di Oane, per pregare insieme Colui che li amava a tal punto. Infatti,
non avevano ancora chierici, poiché non ne avevano ancora necessità,
visto che erano in comunione diretta con Dio

Quanto descritto accadde all'inizio dei tempi, in un'età detta dell'oro. Allora come ora... gli uomini sentivano l'esigenza di ritrovarsi, alla fine delle loro settimane e delle loro fatiche, nel corso della Domenica, per pregare. Qualcosa pare essersi rotto da quella mitica epoca, quando tutto sembrava regolato da meccaniche quasi celesti... Per certi versi... gli uomini si sono comunque emancipati dall'occupazione prettamente materiale, e hanno saputo creare, oltre alle case, anche i templi, oltre al fare, hanno saputo sviluppare il pensiero, e perseguire nella ricerca le vie dello spirito.
In un certo senso... possiamo dichiararci sapienti, rispetto ai nostri progenitori. Ma dove vogliamo arrivare con tutta la nostra scienza? Dove essa ci sta portando? Io credo che si debba un poco riscoprire di quel cuore puro delle origini... e della semplicità dell'essere.
Possa il Nostro lavoro di Ministri della fede essere creativo, possa essere il collante che lega le comunità, non certo il vizioso puntello delle discordie.
Prima di terminare... vorrei rivolgere una preghiera per le genti di Siena, che possano trovare esse la pace che gli sta venendo a mancare... Che si possa riconoscere l'errore in umiltà, che si possa avere equo giudizio sempre, senza lasciarsi trasportare da altre logiche che non siano quelle della ragione.

Un ultima preghiera va al Nostro Fratello Jakob, da poco deceduto... La sua presenza fra Noi è stato un dono che l'Altissimo ci ha fatto... e che certamente non scorderemo. Possa l'Altissimo accoglierlo nell'alto dei cieli.

Vorrei infine salutare Sorella Venere, che ha raggiunto il Nostro Monastero, la cui presenza è certamente ricchezza spirituale per noi...

Un auspicio di buona meditazione va a Fratello Sregolato, che è tornato al ritiro della sua cella prima di affrontare grandi impegni civili.

Vi saluto, benedicendovi tutti.

Amen.


Poi Eckart si ritirò in Sagrestia... attendendo chiunque volesse entrare, per un saluto.
Tornare in alto Andare in basso
Kemnos
Dignitario Onorario
Dignitario Onorario
avatar

Numero di messaggi : 215
Data d'iscrizione : 15.05.09
Età : 34

MessaggioTitolo: Re: Santa Messa del 9 Maggio 1458   Dom Mag 09, 2010 4:23 pm

"Amen"
Padre Ennio rispose insieme agli altri confratelli, dopodichè volle recarsi in Sacrestia a complimentarsi con Fratello Eckart per l'ordinazione e per l'omelia, prima di recarsi in Capitolo.

_________________
Padre Ennio "Kemnos" Borromeo Pelagio

- Arcivescovo di Ravenna-
- Gran Priore dell'Ordine di San Domenico -
Tornare in alto Andare in basso
andosan
Spirito Inquieto
Spirito Inquieto
avatar

Numero di messaggi : 161
Data d'iscrizione : 14.05.09
Età : 34

MessaggioTitolo: Re: Santa Messa del 9 Maggio 1458   Lun Mag 10, 2010 11:15 am

Padre Andosan ascoltò l'omelia di Padre Eckart e si unì alla preghiera per le genti di Siena e per un ritorno della Chiesa ad essere portatrice di pace, misericordia e serenità.
Tornare in alto Andare in basso
Padre Giarru
Dignitario Onorario
Dignitario Onorario
avatar

Numero di messaggi : 432
Data d'iscrizione : 13.05.09

MessaggioTitolo: Re: Santa Messa del 9 Maggio 1458   Lun Mag 10, 2010 4:50 pm

Tali parole fecero pensare molto a Padre Giarru, il quale in religioso silenzio ripensava alla critica situazione senese che lo vedeva coinvolto in prima persona...

_________________
Alessandro III Cardinalem de' Montemayor Borgia
Cardinalem Camerarium
Tornare in alto Andare in basso
tacuma
Dignitario
Dignitario
avatar

Numero di messaggi : 4147
Data d'iscrizione : 13.05.09
Età : 64
Località : roma

MessaggioTitolo: Re: Santa Messa del 9 Maggio 1458   Lun Mag 10, 2010 7:14 pm

Amen

Un pensiero' corse alle genti di Siena che fratello Eckart aveva menzionato ed egli levo' la sua silenziosa preghiera per loro.
Ed altresi' un pensiero, venato da un profondo dolore, corse a fratello Jackob.

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Santa Messa del 9 Maggio 1458   

Tornare in alto Andare in basso
 
Santa Messa del 9 Maggio 1458
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Santa messa del 21 marzo
» Santa messa e ordinazione di Attle
» Santa Messa del 6 dicembre 1457
» Santa Messa del 15 Novembre
» Santa messa e ordinazione di Aryale - 24 febbraio A.D. 1461

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Monastero Aristotelico di San Domenico :: Monastero di San Domenico :: Cappella di San Domenico-
Andare verso: