Subforum del Gioco di Ruolo Online Regni Rinascimentali


Non sei connesso Connettiti o registrati

Passeggiata nella foresta

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Passeggiata nella foresta il Mar Mar 29, 2011 12:37 pm

Yosobel


Frequentatore
Frequentatore
Yosobel vagava senza una meta precisa, immersa nella lettura di un libro, quando si tròvò alle soglie della bellissima e misteriosa foresta nei pressi del monastero.

Era quasi mezzodì, e non aveva punti di riferimento, ma decise di inoltrarsi nel bosco poichè, nonostante le leggende spaventose che le avevano narrato i monaci, trovava quella selva incredibilmente attraente e piena di fascino.

Camminò a lungo, finchè non si ritrovò in una splendida radura di giallo fiorita, uno spiazzo d'oro nell'intrico tra gli alberi.

Yosobel si rese conto di essersi persa, ma lo spettacolo che le si parava davanti riusciva a cancellare la sua paura.
Decise di arrestare il suo cammino in quel posto meraviglioso per godere dello spettacolo inebriante dei fiori che quasi scintillavano al sole pomeridiano.

Si accoccolò sul prato e ricominciò a leggere, inebriata dal profuno dei fiori e dal canto degli uccelli che abitavano la foresta.
Avrebbe pensato più tardi a come tornare al monastero.

2 Re: Passeggiata nella foresta il Dom Apr 03, 2011 10:11 pm

Pepponius

avatar
Fanatico di San Domenico
Fanatico di San Domenico
Frate Pepponius durante una bellissima giornata primaverile, decise di approfittare del tempo libero per godersi uno dei doni più belli dell'Altissimo, la natura... Così, come amava fare tolse i calzari e comincio a vagare a piedi nudi sul morbido terreno del bosco. Per questa sua particolarità era forse considerato strano dagli altri, ma a lui poco importava. Adorava sentire il terreno e l'erba umida sotto i propri piedi, ciò lo faceva sentire più vicino all'Altissimo, più immerso in quel grande progetto, quel meraviglioso disegno che aveva fatto Dio.
Durante le passeggiate veniva talmente rapito dai profumi e dalle sensazioni della natura, che non seguiva nemmeno il sentiero.

Era circa mezzodì, udiva gli uccellini cinguettare, doveva esserci un nido tra gli alberi lì vicino, così alzo il volto al cielo e continuò a camminare sinché non perse l'equilibrio e si ritrovo con la faccia per terra, era inciampato su qualcosa... o qualcuno??

3 Re: Passeggiata nella foresta il Dom Apr 03, 2011 10:20 pm

Yosobel


Frequentatore
Frequentatore
*STUMP*

Isabella si era appisolata nel prato leggendo e venne svegliata bruscamente da qualcosa - o qualcuno - che le era caduto addosso, probabilmente non notandola ed inciampando su di lei.

Ahia! - protestò la ragazza, stropicciandosi gli occhi per abituarsi all'intensa luce del sole, che brillava ancora alto.
Doveva aver dormito solo pochi minuti.

Quando riuscì a prendere coscienza di ciò che le stava intorno, vide accanto a sè un uomo che si spolverava il saio goffamente.
Fratello! - disse la ragazza massaggiandosi il polpaccio dolorante per il calcio ricevuto involontariamente - non mi avevate notata?

4 Re: Passeggiata nella foresta il Dom Apr 03, 2011 11:52 pm

Pepponius

avatar
Fanatico di San Domenico
Fanatico di San Domenico
Frate Pepponius stava ancora sputacchiando terra ed erbacce quando udì una voce femminile: "Fratello! non mi avevate notata?" E si non c'erano dubbi, aveva inciampato su quella giovane donna, ed a giudicare da come si toccava il polpaccio doveva anche averle tirato un bel calcione. Ricomponendosi, e schiarita la voce esordì: "Bè figliola, almeno ringraziate l'Altissimo che non indosso i miei stivaloni oggi!" Poi sorridendo aggiunse "Spero non vi siate fatta male! Dovete scusarmi ma ero in sovra pensiero, e comunque son stato fortunato anche io avrei potuto tirare il calcione ad un sasso!"

5 Re: Passeggiata nella foresta il Lun Apr 04, 2011 9:55 am

Yosobel


Frequentatore
Frequentatore
Beh, di certo sono più morbida di un sasso... - disse Isabella ironicamente.

Poi alle parole del frate riguardo ai suoi stivaloni, guardò istintivamente i piedi nudi dell'uomo.
Ma voi dovete essere... frate Pepponius, giusto? - chiese.
Alcuni mi hanno parlato di voi, citandomi questa vostra usanza di andare scalzo per il bosco.
Anche a me piace andare in giro per la foresta a piedi nudi, a contatto con la natura
- aggiunse con un sorriso.
Ah! Ma non mi sono presentata, che scortese...
Io mi chiamo Isabella Artemisia De Bonamici e sono Arcidiacono di Firenze.
Sono qui al monastero per conseguire le Pastorali


Fratello, state facendo una passeggiata? Posso farvi compagnia?

6 Re: Passeggiata nella foresta il Lun Apr 04, 2011 3:38 pm

Pepponius

avatar
Fanatico di San Domenico
Fanatico di San Domenico
Frate Pepponius rimase sorpreso dalle parole della madama: "Son così famoso in Monastero?? Di solito quando si è famosi, o si è fatto qualcosa di grande oppure si è matti" e sorridendo aggiunse "avrò fatto qualcosa di grande ed ancora non lo so!"
Poi aiutando la madama ad alzarsi:
"Comunque piacere mio! Certamente potete seguirmi figliola, anche perchè non ho idea di dove ci troviamo al momento!"

7 Re: Passeggiata nella foresta il Dom Apr 10, 2011 4:36 pm

Yosobel


Frequentatore
Frequentatore
Isabella si fece aiutare a rislzarsi e scrollò il semplice vestito verde che indossava quando passeggiava per i prati, per pulirlo dall'erba.

Fratello, devo ammettere che nemmeno io so esattamente dove ci troviamo - disse la giovane, improvvisamente pensierosa.

Il sole era ancora alto e la foresta era accogliente, ma di lì a poche ore sarebbe calata la sera e non sarebbe più stato sicuro rimanere nella selva, con il rischio di passare la notte all'addiaccio.

A parte le leggende e le storie dell'orrore che raccontavano i novizi, a cui la ragazza non credeva, ma che le mettevano i brividi addosso, il bosco era pieno di animali e non era saggio attardarsi troppo.

Da che parte volete andare? - chiese al frate.

8 Re: Passeggiata nella foresta il Dom Apr 10, 2011 9:06 pm

Pepponius

avatar
Fanatico di San Domenico
Fanatico di San Domenico
Frate Pepponius si guardò intorno con aria confusa, non sapeva dove fosse, ma il suo passato da soldato lo aveva reso coraggioso sebbene breve, così con sicurezza per non far preoccupare la dama disse:

"Ovviamente andiamo nella direzione opposta a quella da dove provenivo prima di inciampare su di voi"

Quindi alzato il dito per indicare il sentiero disse:

"Dovrebbe essere la direzione giusta"

L'uso del condizionale era stato istintivo, in quanto effettivamente dopo la caduta non era più sicuro del sentiero da dove provenisse, ma far preoccupare la dama non avrebbe giovato nè a lui nè a lei, per cui facendo finta di nulla, iniziò a camminare seguito dalla giovane.

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum