Monastero Aristotelico di San Domenico

Subforum del Gioco di Ruolo Online Regni Rinascimentali
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  
L'Ordine di San Domenico piange il confratello Padre Tacuma, deceduto all'alba del 15 settembre. I funerali si svolgeranno il giorno 30 nella Basilica di Santa Caterina ai Sibillini, e la salma sarà tumulata qui nella cripta del Monastero. Pace a chi riposa in Dio e a chi rimane.

Condividere | 
 

 La nuova Cella

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Eckart
Spirito Inquieto
Spirito Inquieto
avatar

Numero di messaggi : 175
Data d'iscrizione : 08.01.10

MessaggioTitolo: La nuova Cella   Sab Mag 15, 2010 9:06 pm

In quei giorni così frenetici e pieni di impegni... Eckart non aveva ancora avuto tempo di spostare le sue cose dalla Foresteria al Chiostro.
Le sue giornate erano state del tutto cittadine, nella spola tra Padova e Venezia, ma ora finalmente poteva tornare in Monastero e godere qualche attimo di tranquillità.
Con una certa curiosità... percorse il porticato di quel luogo sacro, culla della preghiera e del riposo dei Padri Domenicani, in cerca della sua Nuova Cella.
Aveva con sè una sacca.. e una tela, che ancora profumava di fresco.
Era già stato in quel posto... ma lo stato d'animo passato non era certo quello presente... Se prima vi giungeva come Ospite, in cerca di questo o quel Frate, per poter risolvere i suoi dubbi di fede e le sue angosce, ora più precisamente vi sentiva aria di casa.
Dovette percorrere l'intero periplo prima di scoprire la stanza a lui designata...
Appena la vide, fu colto da vera gioia... come chi trova il proprio posto in famiglia.
Aprì lentamente la porticina che dava d'ingresso... l'attraversò e la richiuse alle sue spalle.
Un sole meraviglioso filtrava dalla finestra... le magnifiche rare nuvole proseguivano il loro viaggio per il mondo, di là dalla grata.
Eckart poggiò la sacca a terra... poi... di contro alla luce... fissò su un perno il quadro che s'era portato dietro, e che era stato il dono di una sua parrocchiana, Evelina.



Poi si affacciò alla finestra, che con sua grande sorpresa dava sul giardino, tutto rigoglioso di primavera...

Si abbandonò quindi, rivolti gli occhi al cielo, alla lettura di una nuvola.
Tornare in alto Andare in basso
Pilu53
Visitatore
Visitatore
avatar

Numero di messaggi : 11
Data d'iscrizione : 23.01.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mar Feb 01, 2011 12:33 pm

Anna Penelope era in attesa dei suo fratelli per dare l'ultimo addio a suo Padre...
Aveva trascorso le ore in biblioteca, dove suo padre aveva lasciato un segno...
Si sedette su una panca nella cripta...e aspettò.

Tornare in alto Andare in basso
tacuma
Dignitario
Dignitario
avatar

Numero di messaggi : 4169
Data d'iscrizione : 13.05.09
Età : 64
Località : roma

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mar Feb 01, 2011 9:45 pm

Scese lentamente le scale guidato dalla tenue fiammella di un cero.
Ma sapeva bene dove andare, conosceva la strada come se l'avesse percorsa poco prima.
Mestamente si diresse dove non solo la ragione lo guidava, ma dove il suo cuore lentamente gli faceva strada.
Lei era la', la riconobbe senza mai averla vista, dalle parole di quel padre che tanto l'aveva amata.

Buonasera figliola

sussurro' con voce lieve

Sono fratello Tacuma. Volevo soltanto esservi vicino e di conforto.
Era una grande persona quel padre che oggi piangete e, credetemi, io lo piango con voi.
Ma egli ci ha lasciato un grande insegnamento: la sua vita. La sua vita cosi' dura e sofferta eppur cosi' battagliera e chiara e luminosa allorche' trovo' l'Altissimo, che restera' un insegnamente per tutti coloro che hanno sofferto.

Si sedette accanto a lei, presenza muta ma pronta a confortare.

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Pilu53
Visitatore
Visitatore
avatar

Numero di messaggi : 11
Data d'iscrizione : 23.01.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mar Feb 01, 2011 10:56 pm

Vi ringrazio per la vostra vicinanza....
Anna Penelope sorrise a Fratel Tacuma,
Ho trovato presso di voi lo spirito intatto di mio padre...ho letto i suoi scritti...e mi sono commossa, la sua fede era grande...ma io lo voglio ricordare anche e sopratutto come padre, sempre pronto al consiglio..all'insegnamento..una figura che mi ha guidato...che ho sempre sentito al mio fianco.
Capisco adesso, perchè certe volte si rifugiava da voi..qui c'è la vera pace..

Tornare in alto Andare in basso
Stefanodegalbiati
Visitatore
Visitatore


Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 02.02.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mer Feb 02, 2011 2:01 am

Stefano aprì la porta.....c'era molto freddo dentro e fuori quel luogo in cui riposava la salma di quell'uomo che era stato così importante per la sua crescita e la sua vita....
a un certo punto in un angolo riconobbe una figura che stava pregando...si avvicino e scorse lo sguardo di sorella.La abbracciò forte e in quel momento ripensarono ai bei momenti quando erano ancora tutti uniti sotto lo stesso tetto,e vivevano con amore la loro vita ad Alessandria...voleva avere questo ricordo di suo padre,sapeva che lui avrebbe voluto così.
Tornare in alto Andare in basso
Ladisissi
Visitatore
Visitatore


Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 02.02.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mer Feb 02, 2011 1:43 pm

Ladisissi e Nanthas erano arrivati la mattina stessa a cavallo, avvolti nei loro mantelli. Lo spettacolo che si faceva varco davanti ai loro occhi era di una bellezza incommensurabile, le montagne che attorniavano il Monastero erano ancora ammantate di neve, il freddo intenso arrossava i loro visi, la brina velava il paesaggio circostante. Scesero da cavallo e corsero subito verso la cripta indicata dai Monaci. Si tolsero il cappuccio ed in silenzio entrarono...vi erano già delle persone e Ladisissi riconobbe sua sorella Pilu...poi un Frate che non conosceva se non dalla descrizione di suo padre...le parve fosse Padre Tacuma...poi un cavaliere accanto a loro che lei non conosceva...Così si avvicinò in punta di piedi con un dolore sordo al petto, sì lo sapeva che suo padre non era più qui...tra di loro...ma non si è mai preparati abbastanza ad affrontare poi la dura e cruda realtà. In mano aveva una piccola pergamena che aveva scritto e che avrebbe poi messo nelle mani di suo padre con un piccolo oggetto a lei caro...testimonianze del suo immenso affetto verso quell'uomo, che l'avrebbero accompagnato in quel lungo viaggio che lei non voleva affrontasse da solo, voleva essergli vicina anche solo spiritualmente, voleva che lui portasse con sè qualcosa di lei. Si respirava un'aria di serenità e di pace che lei non riusciva ad apprezzare appieno, capiva però la scelta di suo padre di avvicinarsi all'Altissimo e di trasferirsi in quell'eremo tranquillo...si avvicinò trepidamente a Pilu....
Tornare in alto Andare in basso
Pilu53
Visitatore
Visitatore
avatar

Numero di messaggi : 11
Data d'iscrizione : 23.01.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mer Feb 02, 2011 6:05 pm

Anna Penelope andò incontro a sua sorella....e l'abbracciò.....
Vieni Sissi, è ora che tu conosca una persona....La portò vicino al cavaliere che era lì accanto..
Sissi questo è nostro fratello Stefano...è sempre vissuto ad Alessandria..e insieme abbiamo vissuto anni sereni con nostro padre...
Stefano questa è Ladissi...è nata a Padova...nostro padre era molto legato a lei..

Poi salutò Nanthas...e si risedette...
Il loro padre sarebbe stato felice di vederli insieme.
Tornare in alto Andare in basso
Padre Heldor
Padre Generale
Padre Generale
avatar

Numero di messaggi : 560
Data d'iscrizione : 14.04.09
Età : 39

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mer Feb 02, 2011 8:23 pm

Padre Tebaldo giunse nella cripta cercando di non disturbare quel convivio di persone che si erano lì riunite per ricordare il suo vecchio amico, Eckart... Solo il ticchettare del bastone sulle pietre del pavimento ne preannunciò l'arrivo, già vestito dei sacri paramenti da funerale... Un mesto sorriso venne rivolto a coloro che erano presenti, fossero essi monaci o parenti o ancora amici del defunto, quindi rivolse loro la parola:

"Fratelli e sorelle nella fede, benvenuti... Se lo ritenete oppurtuno vorrei cominciare con la cerimonia funebre per il nostro compianto fratello Eckart, in modo che le sue spoglie mortali possano riposare in pace"

Quindi continuò a guardare i presenti in attesa di un cenno di assenso o di diniego, con relative spiegazioni.

_________________
Firma in revisione
Tornare in alto Andare in basso
Pascal
Spirito Inquieto
Spirito Inquieto
avatar

Numero di messaggi : 566
Data d'iscrizione : 19.06.10

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mer Feb 02, 2011 8:42 pm

Il frate annuisce.
Ancora non ha parole. Il cuore batte molto forte.
Tornare in alto Andare in basso
Sovietboy
Frequentatore
Frequentatore
avatar

Numero di messaggi : 27
Data d'iscrizione : 02.02.11
Località : Padova

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mer Feb 02, 2011 10:36 pm

Ettore si sedette in prima fila e congiunse le mani.
Iniziò a pregare silenziosamente, attendendo l'inizio della cerimonia.
Tornare in alto Andare in basso
Agapheys
Visitatore
Visitatore
avatar

Numero di messaggi : 8
Data d'iscrizione : 30.12.10

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Mer Feb 02, 2011 11:05 pm

Agapheys si trovava nei pressi del monastero. Vagando lungo percorsi di pietra e mura ricoperte da voci eccelse si ritrovò nella Cripta ove da lì a poco si sarebbe celebrata la cerimonia funebre per Padre Eckart.

Non disse nulla.

Silenziosa nella sua posizione arrivò nel loco e notando la presenza di Padre Luciano accennò un lieve saluto con il capo e restò quasi nascosta tra i presenti.

Mantenendo gli occhi bassi tornò tra i suoi pensieri e da essi si lasciò guidare, in attesa di udir il verbiare di Padre Heldor.
Tornare in alto Andare in basso
Ladisissi
Visitatore
Visitatore


Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 02.02.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Gio Feb 03, 2011 12:28 am

Ladisissi si avvicinò al cavaliere e lo guardò come per riconoscere qualcosa in lui che potesse ricordare colui che non c'era più....poi si volse verso il feretro dove riposavano le spoglie di suo padre e s'inginocchiò pronunciando a fior di labbra parole che doveva ancora dire a suo padre...ed erano le stesse parole racchiuse nella piccola pergamena che aveva pronta da affidare all'eternità con lui....."Caro padre sei sempre stato il mio faro e tu lo sai, nei nostri dialoghi ti ho sempre detto questo e tu mi rispondevi che era troppo per te....che non potevi essere un faro in quanto soggetto ad errori, sbagli...ma vedi padre adorato, io come figlia non ho mai visto nulla di quanto tu affermavi, per me sei stato una persona stupenda, nei vari momenti di bisogno non facevo in tempo a chiederti aiuto perchè ti trovavo accanto con le tue parole dolci e sicure e riuscivi sempre ad infondermi coraggio, fierezza, accettazione per quello che sono. Grazie per tutto padre adorato, senza di te la mia vita comunque non sarà più quella di prima...mi mancherà sempre quel faro, quella luce che ha sempre illuminato il mio percorso...i ricordi tornano sempre, per invaderti l'anima, per ferirti, per stregarti il cuore, per ucciderti. Quanti dolori provocano, ma tu non rimuoverli perchè fanno parte di te, della tua vita pronti a ricordarti quegli attimi intensi passati con qualcuno che ormai non fa più parte di te ma che è dentro di te...nel più profondo del cuore.....nel mio cuore....tua Ladina"...poi si rialzò e andò a sedersi al fianco di Pilu, si accorse che mancava Fly...probabilmente era in ritardo....e si concentrò su Padre Heldor....
Tornare in alto Andare in basso
Padre Heldor
Padre Generale
Padre Generale
avatar

Numero di messaggi : 560
Data d'iscrizione : 14.04.09
Età : 39

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Gio Feb 03, 2011 8:08 pm

Padre Tebaldo scosse appena il capo, con un sorriso paterno e mesto nel contempo... Era felice, in cuor suo, di vedere così tanta gente ad onorare quello che lui aveva sempre considerato un grand'uomo, soprattutto da quando aveva deciso di diventare sacerdote abbandonando la vita politica...

Quindi, appena gli inservienti finirono di deporre il corpo di Eckart nel suo sepolcro, lasciato per ora aperto, con voce commossa cominciò a parlare:

"Dopo tutti i nostri sguardi che hanno incrociato il
suo, che Eckart possa infine vedere il Tuo, Signore."


quindi guardò i presenti e disse loro:

"ripetete con me: Signore non deviare il Tuo sguardo del nostro amico. "

Quindi attese che tutti avessero ripetuto la frase rituale prima di continuare.

_________________
Firma in revisione
Tornare in alto Andare in basso
tacuma
Dignitario
Dignitario
avatar

Numero di messaggi : 4169
Data d'iscrizione : 13.05.09
Età : 64
Località : roma

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Gio Feb 03, 2011 8:19 pm

Signore non deviare il Tuo sguardo del nostro amico.


_________________
Tornare in alto Andare in basso
nanthas
Visitatore
Visitatore


Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 02.02.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Gio Feb 03, 2011 8:54 pm

Nanthas, preso il braccio di Ladisissi, entrò insieme alla sua sposa. Guardando tutti i presenti, li salutò con un cenno del capo. Era troppo triste e non riusciva a proferire parola, guardava il viso del suo caro amico senza nascondere le lacrime. Poi passando accanto al feretro pensava ai bei momenti passati con Eck, alla sua simpatia ed al suo modo di fare. Aveva dei bellissimi ricordi di quella splendida persona e non riusciva a rendersi ancora conto che non avrebbe più bevuto una birra con lui, non avrebbe più parlato e discusso di tante cose e si mise a sedere accanto alla sua sposa sempre tenendola per mano ed attese....aveva perso un amico, un grande amico......
Tornare in alto Andare in basso
fly91
Visitatore
Visitatore


Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 31.01.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Ven Feb 04, 2011 1:03 am

Fly discese nella cripta a passi lenti, era gia arrivato da un po ma non riusciva a decidersi a entrare; camminava nervosamente e ripensava ai giorni trascorsi ad alessandria, aveva ammirato suo padre in quella veste di uomo politico, aveva cercato di imparare da lui, di osservarlo...non si era smai esposto troppo, ma era sempre rimasto ad guardare...Ora era tutto irrimediabilmente passato, concluso definitivamente...non poteva fare aspettare gli altri ancora a lungo, si fece coraggio ed entrò nella cripta...rimase un attimo indietro e vide le sue sorelle stringersi mentre monsignor Heldor iniziava la cerimonia..

Si mise affianco a Soviet e Sissi...

Signore non deviare il Tuo sguardo del nostro amico. "
Tornare in alto Andare in basso
Fenice
Gran Priore
Gran Priore
avatar

Numero di messaggi : 4436
Data d'iscrizione : 26.12.10

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Ven Feb 04, 2011 3:06 am

Signore non deviare il Tuo sguardo dal nostro amico.


Fenice si asciugò una lacrima e mantenne ferma la voce. Essere a quel funerale era un grande dolore... Padre Eckart le era stato Maestro in molte cose e preziosi Amico; con lui si era confrontata condividendo idee e un paio di volte arrivando a un passo dal disaccordo, ma sempre nel rispetto e nella stima reciproca. Cos', a volte, si cementano maggiormente le amicizie, quelle profonde e sincere.
Gli aveva voluto bene... e anche lui ne aveva voluto a lei, come un amico e come un padre.
Le sarebbe mancato sempre... A lui aveva dato, per primo, la notizia il giorno in cui era cominciato il suo percorso verso la Fede, attraverso il Diaconato, e ricordava ancora la sua gioia e il suo profetico vaticinio di un cammino lungo e sempre più profondo...

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Ladisissi
Visitatore
Visitatore


Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 02.02.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Sab Feb 05, 2011 12:22 pm

Ladisissi si trovava circondata dal suo sposo e dai suoi adorati fratelli...era come se si facessero scudo tutti vicini...come a proteggersi dal dolore che provavano. Smarriti, privati da quella presenza così autorevole e nelle stesso tempo amorevole, acoltavano le parole di Padre Heldor. Con la coda dell'occhio vide anche avvicinarsi Dama Fenice, aveva fatto parecchia strada anche lei per poter onorare di persona la vecchia e fedele amicizia che avevano tra di loro.....
Tornare in alto Andare in basso
Padre Giarru
Dignitario Onorario
Dignitario Onorario
avatar

Numero di messaggi : 432
Data d'iscrizione : 13.05.09

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Dom Feb 06, 2011 4:12 am

Frà Alessandro giunse nella Cripta in ritardo e non entrò ma assistette alla cerimonia in un angolo oscurato, Padre Eckart aveva avuto poco tempo per conoscerlo meglio, ma solo il pensiero che un suo Confratello potesse essere mancato, metteva tanta tristezza in Frà Alessandro... sussurrò seguendo la cerimonia:

"Signore non deviare il Tuo sguardo del nostro amico"

_________________
Alessandro III Cardinalem de' Montemayor Borgia
Cardinalem Camerarium
Tornare in alto Andare in basso
Pilu53
Visitatore
Visitatore
avatar

Numero di messaggi : 11
Data d'iscrizione : 23.01.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Dom Feb 06, 2011 10:58 pm

Pilu era circondata dai sui fratelli..
ma il procedere della cerimonia l'angosciava..
era rimasta in silenzio con gli occhi chiusi..sperava di risvegliarsi e vedere il sorriso di suo padre..
Si riscosse:

"Signore non deviare il Tuo sguardo dal nostro amico"
Tornare in alto Andare in basso
Pascal
Spirito Inquieto
Spirito Inquieto
avatar

Numero di messaggi : 566
Data d'iscrizione : 19.06.10

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Dom Feb 06, 2011 11:12 pm

Signore! Non deviare il Tuo sguardo del nostro amico!
Tornare in alto Andare in basso
Ladisissi
Visitatore
Visitatore


Numero di messaggi : 9
Data d'iscrizione : 02.02.11

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Lun Feb 07, 2011 1:19 pm

La memoria affiorava nonostante Ladisissi la tacitasse con tutte le sue forze...i ricordi affollavano la sua mente ed erano tutti ricordi bellissimi....riusciva addirittura ad avvertire il tono della voce di suo padre...le varie ed innumerevoli sfumature...i suoi molteplici sorrisi....quegli occhi neri e profondi...la ruga sulla fronte...le guance leggermente scavate...la sua intelligenza, la sua immensa bontà...e le parve di averlo vicino, di toccarlo con mano...ma tutto tornò al momento che stava vivendo con i suoi fratelli...al momento doloroso. Il freddo della cripta le penetrava le ossa ma non era solo quello...una sensazione di vuoto la pervadeva...nel frattempo la cerimonia funebre proseguiva il suo freddo iter....
Tornare in alto Andare in basso
Berardo
Spirito Inquieto
Spirito Inquieto
avatar

Numero di messaggi : 167
Data d'iscrizione : 25.11.10

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Ven Feb 11, 2011 6:13 pm

Dalla vita di P. Eckart.
L'esperienza dello Scriptorium


Eckart ha scritto:
Ogni respiro di Eckart... era fuoco....

Egli si presentò febbricitante, e quasi giallo in volto... presso lo scriptorium...

Prese il Libro delle Virtù fra le mani... era suo compito, in quel giorno, leggere per i fratelli...

Ma il libro gli cadde dalle mani.

Eckart sentiva una debolezza mai provata...

In cuor suo sapeva cosa stava succedendo... nel sole... ora... cominciava ad intravvedere l'Altissimo e il suo amore, che lo attirava irresistibilmente.

Ma era anche come se fosse tornato l'inverno... da come Eckart si stringeva nel suo mantello, per placare le fauci del freddo...

Un velo di tristezza lo attraversò... presto avrebbe lasciato i suoi fratelli... e il presagio di quella mancanza, in fondo, lo lacerava....

Decise di uscire dalla sala... Sperando di nascondere il suo pianto ai presenti.

Citazione :
Gravarsi come un macigno... Eckart sentì la mano di Padre Tacuma poggiarsi sulla sua spalla. Si voltò e lo vide... spontaneamente enunciando....

Maestro....

Poi si ritrasse di nuovo... cercò di coprire ancora le lacrime che scendevano....

E sottovoce... "Non del corpo son le ferite, ma dell'anima! E dacchè vedo l'Altissimo nella gloria dei cieli... sento il cuore nel gelo della pena, e nell'ordine della condanna.

Ma, cominciando a calmarsi, ad adagiarsi alla gentilezza dell'accompagnatore suo... continuò:

"Padre... vi prego di assistermi... ma più ancora... vi scongiuro di confessarmi.... perchè ho peccato. Non sapete chi avete davanti!"
Tornare in alto Andare in basso
Padre Heldor
Padre Generale
Padre Generale
avatar

Numero di messaggi : 560
Data d'iscrizione : 14.04.09
Età : 39

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Dom Feb 13, 2011 2:07 pm

Padre Tebaldo dopo un momento di smarrimento per l'ulteriore notizia della scomparsa di Padre Andosan, cosa che lo lasciò a dir poco basito, continuò:

"Dopo l'amicizia che ha ricevuto e che ha guidato la sua vita, accordagli l'amicizia ultima che e la Tua, Signore."
e di nuovo i presenti ripeterono: "Signore non deviare il Tuo sguardo del nostro amico."

quindi di nuovo la voce del vecchio sacerdote: "Dopo le pene e le lacrime che hanno offuscato la sua vita, illumina la sua strada per l'eternità."
ed i presenti ancora risposero: "Signore non deviare il Tuo sguardo del nostro amico."

Ed ancora la voce di Padre Tebaldo "Signore, rivolgiamo a Te le nostre speranze nel momento in cui scompare il corpo dell'amico che ci è caro. Accordaci la speranza di rivederlo presso Te per i secoli dei secoli."

quindi rivolto a tutti disse: "ripetete con me: Amen"

Nel mentre la salma veniva chiusa dentro al sepolcro, ancora lasciato aperto per la parte finale della cerimonia.


_________________
Firma in revisione
Tornare in alto Andare in basso
tacuma
Dignitario
Dignitario
avatar

Numero di messaggi : 4169
Data d'iscrizione : 13.05.09
Età : 64
Località : roma

MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   Dom Feb 13, 2011 3:09 pm

Amen

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La nuova Cella   

Tornare in alto Andare in basso
 
La nuova Cella
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» La nuova Cella
» Immagini dalla Nuova Inghilterra! 2
» NUOVA SIGLA
» Luci e ombre della nuova legge sulla sperimentazione animale
» Nuova certificazione opere maestro Nunziante; regole di comunicazione per ricevere la nuova certificazione.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Monastero Aristotelico di San Domenico :: Monastero di San Domenico :: Cappella di San Domenico :: Cripta :: Sepolcro di Padre Eckart-
Andare verso: