Monastero Aristotelico di San Domenico

Subforum del Gioco di Ruolo Online Regni Rinascimentali
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Messa del 19 ottobre 1457

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Padre Heldor
Padre Generale
Padre Generale
avatar

Numero di messaggi : 557
Data d'iscrizione : 14.04.09
Età : 39

MessaggioTitolo: Messa del 19 ottobre 1457   Lun Ott 19, 2009 5:02 pm

Padre Tebaldo era tornato in monastero il giorno stesso per poter stare in pace dopo il viaggio e le disavventure di Udine... Era stanco e sperava di poter sentire qualche commento sulla messa del giorno prima... Ma nulla... Nessuno disse nulla nemmeno per la messa celebrata mercoledì da Padre Giarru... Storse la bocca e scosse il capo...

Si diresse verso la sacrestia ed indossò i sacri paramenti... Dal volto non si presagiva nulla di buono... Le striature grigie che gli segnavano barba e capelli aumentavano e lo sguardo truce non aiutava di certo l'immagine del buon frate...

Fece suonare le campane e si diresse al pulpito... Si guardo attorno sperando di vedere qualcuno e prese la parola:

Fratelli e sorelle, di tanto in tanto mi chiedo perché siamo qui... Pare quasi che noi si voglia star qui solo per dire, un giorno, io c'ero quando tutto questo cominciò!
Avrete intuito che oggi non darò lettura a nessun passo dei Libri delle Virtù, ma cercherò di pensare, assieme a voi, a cosa ci ha spinto ad entrare in un ordine monastico...
- prese fiato - Per buona parte della mia vita sono stato sacerdote e per altrettanta parte della vita il mio sogno era quello di trovare un luogo ove poter vivere tranquillo, in pace ed in preghiera, con persone che la pensassero come me... Poi la volontà di Domineddio ha voluto mettermi a capo di una Provincia Ecclesiastica, ma non per questo mi disinteresso di quel che succede qui... Siamo tutti fratelli e sorelle, quindi come una grande famiglia viviamo! Ma noto che vi è sbadataggine nel vivere come fratelli nella fede! - prese fiato e gonfiò il petto, quindi la voce prese ancora più vigore - Ieri, per l'ennesima volta, la messa domenicale non è stata celebrata! Io mi chiedo: come mai?
Non voglio dar la colpa a nessuno, io per primo magari celebro la messa in piena notte, ma cerco comunque e sempre di rispettare gli impegni presi... E se non riesco trovo modo di non recar disagio a coloro che da me si aspettano qualcosa! Cosa devo fare per avere aiuto da voi? Già sto lottando con Roma, ahimè con scarso successo, per ora, per il nostro riconoscimento quale ordine monastico, ma più che chiedervi aiuto e consigli, cosa devo fare? - scosse il capo tristemente - fratelli e sorelle miei, siamo in pochi... E se quei pochi non fanno quel che viene loro chiesto, come facciamo ad andare avanti?

Per l'ennesima volta vi sprono ad esserci e a mantener fede a quel che prometteste di fare, per parola o per incarico... Lottiamo per noi stessi e per la parola dei Santi Profeti, sappiamo di essere nel giusto, ma dobbiamo farlo capire anche agli altri!

Padre Segalello tempo fa compose una preghiera che finì nel Messale Italico di Sua Eminenza Profeta e vorrei riproporvela... Ascoltatela e ripetetela con me... In essa vi è la nostra essenza più pura e la voce che dovremmo seguire nella speranza del paradiso solare:



Benedici, o Signore,
l’alba il mezzodì, il tramonto.
Il mio amore per te canto
Di lodarti mai mi stanco.

Benedici le creature,
che ci danno da mangiare
benedici il cielo e il mare
servo tuo voglio restare.

Benedici il mio cammino,
fuori dentro il monastero,
fammi dire sempre il vero,
fammi amare il mondo intero.

Amen!


Detto ciò il vecchio Padre Generale si guardò attorno, non voleva sgridare nessuno, solo responsabilizzare le persone... I suoi confratelli e le sue consorelle... Quindi scese dal pulpito e si ritirò nella sua cella, in silenzio, a pregare...

_________________
Firma in revisione
Tornare in alto Andare in basso
tacuma
Dignitario
Dignitario
avatar

Numero di messaggi : 4147
Data d'iscrizione : 13.05.09
Età : 64
Località : roma

MessaggioTitolo: Re: Messa del 19 ottobre 1457   Mer Ott 21, 2009 4:34 pm

Padre Heldor si era allontanato, il suo volto accigliato continuava ad essere pero' presente.
Tacuma guardo' i suoi confratelli ancora in preghiera nella piccola cappella, i capi chini poggiati sulle mani congiunte.
Le parone di padre Heldor dovevano averli colpiti quanto avevano colpito lui.
Levo' la sua ultima preghiera silenziosa prima di avviarsi verso il chiostro

"Perdonaci Signore per questa nostra disattenzione, per questro nostra
-sbadataggine nel vivere come fratelli nella fede! - come dice padre Heldor, aiutaci Signore a ritrovarci nel tuo Amore, laddove manchiamo."

_________________
Tornare in alto Andare in basso
andosan
Spirito Inquieto
Spirito Inquieto
avatar

Numero di messaggi : 161
Data d'iscrizione : 14.05.09
Età : 34

MessaggioTitolo: Re: Messa del 19 ottobre 1457   Gio Ott 22, 2009 12:06 am

"Chiedo scusa, la messa toccava a me, ero rimasto al vecchio calendario e non mi ero accorto delle nuove date e che il calendario fosse stato modificato ..."
Tornare in alto Andare in basso
Anassagora
Frequentatore
Frequentatore


Numero di messaggi : 24
Data d'iscrizione : 10.07.09

MessaggioTitolo: Re: Messa del 19 ottobre 1457   Gio Ott 22, 2009 1:33 am

Immobile con il capo chino e le mani congiunte notai con la coda dell’occhio Padre Tacuma allontanarsi, aveva il capo ancora abbassato e mi passo talmente vicino che potei avvertire lo spostamento d’aria del suo passaggio. Era la prima volta che incontrai quella espressione sul suo viso . Le Parole di Padre Heldor lo avevano colpito, come d’altronde avevano colpito tutti i presenti. Il silenzio rimasto nella Cappella dopo le tuonanti parole di Padre Heldor era diverso dal solito. Anch' io mi sentivo in colpa. Rivolsi il mio sguardo verso l’alto e senza rompere quello strano silenzio bisbigliai:

Oh Altissimo , che con la tua luce rischiari le nostre menti.
Rinnova, con la linfa del tuo Amore la vita di tutti coloro che sono stati consacrati con il battesimo, e di tutti coloro che si sono offerti al tuo servizio ,perché possano tutti convenire al tuo divino disegno.


In questi ultimi giorni ho passato molto tempo all’interno della mia cella. Leggendo le sacre scritture ma dimenticandomi di presenziare alle ultime funzioni o non partecipando alla vita del Monastero…Mi sento mancante agli occhi dell’Altissimo e agli occhi dei miei confratelli che con tanto spirito di accoglienza mi hanno aperto le porte di codesto luogo.
Mi alzai e mi avviai verso l’uscita con il capo abbassato ….
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Messa del 19 ottobre 1457   

Tornare in alto Andare in basso
 
Messa del 19 ottobre 1457
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Messa del 19 ottobre 1457
» messa del 25 ottobre 1457
» Santa Messa del 6 dicembre 1457
» Messa del 4 ottobre
» Solenne Messa del 7 giugno 1457

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Monastero Aristotelico di San Domenico :: Monastero di San Domenico :: Cappella di San Domenico-
Andare verso: