Monastero Aristotelico di San Domenico

Subforum del Gioco di Ruolo Online Regni Rinascimentali
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  
L'Ordine di San Domenico piange il confratello Padre Tacuma, deceduto all'alba del 15 settembre. I funerali si svolgeranno il giorno 30 nella Basilica di Santa Caterina ai Sibillini, e la salma sarà tumulata qui nella cripta del Monastero. Pace a chi riposa in Dio e a chi rimane.

Condividere | 
 

 Un lavoro ben fatto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Kemnos
Dignitario Onorario
Dignitario Onorario
avatar

Numero di messaggi : 215
Data d'iscrizione : 15.05.09
Età : 34

MessaggioTitolo: Un lavoro ben fatto   Sab Mag 23, 2009 8:44 pm

Era una giornata assolata, finite le funzioni, Ennio si ritrovò nella sua cella senza alcun impegno da svolgere.
Pensò di andare in biblioteca per leggere qualche brano della Vita dei Santi, ma nel tragitto passò accanto al laboratorio artigiano del monastero. La porta era socchiusa e non resistette alla tentazione di sbirciare dentro. La stanza era vuota e gli utensili erano sparsi in maniera disordinata sui tavoli e negli angoli, per terra numerosi trucioli di legno e vimini, residui delle lavorazioni. Non resistette, per lungo tempo aveva svolto il lavoro di carpentiere, e vedere di nuovo gli attrezzi a lui tanto familiari gli fece venire il desiderio di usarli ancora una volta.
Ciò che mancava era la materia prima, non vi era un tronco abbastanza grande da poter lavorare…ma era facile procurarselo nei boschi vicini al monastero.
Rimaneva il problema del trasporto, anche se lui era giovane e vigoroso non sarebbe riuscito a trascinare un tronco per centinaia di metri, e non voleva chiedere l’aiuto dei fratelli, voleva che la sua opera fosse una sorpresa.
Rifletté per un attimo e dopo pochi istanti esclamò
“Ecco! Il mulo dell’Arcivescovo!”
Si guardò intorno timoroso che qualcuno avesse potuto sentirlo, ma quell’area del monastero era spesso isolata, in realtà sarebbe stato difficile che qualcuno lo trovasse lì.
Tra poche ore avrebbe dovuto presentarsi in chiesa per le funzioni, quindi non indugiò e, scorta un’ascia, la nascose sotto la tunica ed uscì.



Continua…
Tornare in alto Andare in basso
Kemnos
Dignitario Onorario
Dignitario Onorario
avatar

Numero di messaggi : 215
Data d'iscrizione : 15.05.09
Età : 34

MessaggioTitolo: Re: Un lavoro ben fatto   Dom Mag 24, 2009 8:13 pm

Era giunta la notte, i monaci erano tutti addormentati nelle loro celle, sui loro pagliericci. Solo Ennio era in piedi di fronte la finestra guardando la luna, fortunatamente piena. L’ora era giunta, doveva sbrigarsi. Silenziosamente uscì nel chiostro e raggiunse il portone chiuso: sapeva che il padre guardiano teneva le chiavi nella propria guardiola, sicuramente nascoste da qualche parte.
Cercò per qualche minuto, la luna piena era davvero preziosa, come avrebbe fatto senza?
Cercò minuziosamente nei cassetti della scrivania, dietro un quadro, sotto un piatto lasciato lì, negli angoli del pavimento di terra battuta, ma non riuscì a trovare nulla.
Si sedette sconsolato: avrebbe dovuto rinviare quell’uscita notturna, probabilmente il guardiano era più accorto di quanto credeva ed aveva probabilmente creato un nascondiglio chissà dove.
Si alzò per andarsene quando qualcosa gli graffiò la guancia, represse un’esclamazione di dolore e gi voltò per vedere cosa fosse stato: un chiodo piantato nella parete e….lì appese le chiavi del portone. È proprio vero che quando una cosa ce l’hai sotto il naso non la noti.
Con la guancia sanguinante – già pensava alla scusa da utilizzare con chi gliene avrebbe chiesto il motivo – inserì la chiave e girò lentamente, la serratura scattò, e il portone si aprì facilmente, per fortuna era stato appena montato e non faceva i classici rumori.
Corse nella stalla, il mulo di Padre Ralph stava dormendo, lo svegliò con qualche colpetto, gli mise le briglie e, presa da lì una lunga corda lo condusse, non senza qualche problema di resistenza dell’animale, nella foresta, laddove il pomeriggio aveva abbattuto l’abete e aveva già ricavato un tronco non molto grande, ma comunque pesante.
Imbrigliò il tronco con la corda e legò poi quest’ultima alle briglie del mulo, l’animale non pareva essere molto d’accordo e ce ne volle per convincerlo a collaborare, ma alla fine, forse persuaso dal fatto che prima avrebbe finito prima sarebbe tornato a dormire, si incamminò lungo il sentiero, oltre il portone fino alla porta del laboratorio che Ennio aprì per permettere all’animale di entrare.
Sciolse le corde, coprì il tronco con una coperta abbandonata lì e riaccompagnò lo stanco mulo alle stalle dove poté riprendere il suo agognato sonno.
Il frate richiuse il portone rimettendo a posto la chiave e cercò di coprire meglio che poté il solco che il tronco trascinato aveva lasciato sulla terra battuta del cortile.
Quando gli sembrò che tutto fosse a posto, silenziosamente come era uscito, rientrò nella sua cella e anche lui poté concedersi un po’ di riposo.


Continua..
Tornare in alto Andare in basso
Kemnos
Dignitario Onorario
Dignitario Onorario
avatar

Numero di messaggi : 215
Data d'iscrizione : 15.05.09
Età : 34

MessaggioTitolo: Re: Un lavoro ben fatto   Ven Mag 29, 2009 11:04 pm

Era da poco terminato il pranzo ed i frati avevano un po’ di tempo per dedicarsi alla lettura o ad altri impegni. Ennio sapeva già cosa avrebbe fatto per i prossimi giorni in quei momenti, aveva un lavoro in sospeso, e non perse tempo a recarsi nel laboratorio artigiano.
Lì si mise subito al lavoro, scoprì il tronco e, tolta la corteccia, cominciò a segnare con un pezzo di carbone i punti dove avrebbe intagliato il legno.
Ennio era stato istruito dalla madre, che aveva riservato al figlio un’educazione classica, per cui conosceva bene la perfezione delle sculture elleniche e latine, in più, aveva acquisito una grande esperienza nel lavorare il legno nelle lunghe ore passate nella sua bottega a costruire scale, e qualche volta, per diletto, piccole statue.
Il tempo a sua disposizione era passato velocemente e già la campana che chiamava i frati per la funzione stava suonando.
Prima di ricoprire il lavoro che quel giorno aveva fatto, lo guardò: vi era solo qualche solco sul legno, ma lui riusciva chiaramente a vedere l’opera finita.
Tornare in alto Andare in basso
Kemnos
Dignitario Onorario
Dignitario Onorario
avatar

Numero di messaggi : 215
Data d'iscrizione : 15.05.09
Età : 34

MessaggioTitolo: Re: Un lavoro ben fatto   Ven Lug 03, 2009 1:07 am

Padre Ennio aveva lavorato parecchi giorni su quel tronco. Ogni volta che aveva qualche minuto di libertà dagli impegni che gli imponeva il suo stato di monaco si recava nel laboratorio.
Aveva trovato anche delle tinture, per cui oltre ad aver scolpito la figura, aveva anche cercato di dargli colore.
Quel giorno aveva analizzato la scultura nei più piccoli dettagli, cercava piccole zone nascoste in cui il pennello non era arrivato per poter rimediare con un pennello ancora più piccolo.
Quando credé che la scultura fosse terminata, la coprì nuovamente col lenzuolo ed uscì dal laboratorio per cercare il Padre Generale dell’Ordine.
Lo trovò nel proprio ufficio, intento a studiare alcune pergamene: “Padre, ho bisogno di ricevere il vostro perdono e quello dell’Altissimo, se potete”.
Heldor alzò la testa dai fogli: “Padre Ennio, certo, sedetevi, sarò felice di poter liberare la vostra coscienza”
Il frate si sedette di fronte al Padre: “Perdonatemi Padre perché ho peccato” iniziò “ Ho agito di nascosto da voi e dai miei confratelli, tempo fa sono uscito di notte dal monastero, prendendo, senza permesso, il mulo di Sua Eminenza Ralph. Non preoccupatevi, però, all’esterno di queste mura non ho fatto nulla che possa destare scandalo. Avevo bisogno di un tronco e sono uscito per abbattere un albero.”
Padre Heldor non riusciva a capire: “Santo cielo Kemnos, a che vi serviva un tronco?”
“Un regalo per il monastero, Padre. Ho usato il tempo libero che i nostri impegni ci lasciano ogni giorno, da allora, per scolpire una statua. Ora è finita e quindi sono venuto da voi per potermi liberare dal peso di quella fuga notturna.”
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Un lavoro ben fatto   

Tornare in alto Andare in basso
 
Un lavoro ben fatto
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cappelli in feltro fatto a mano- con tesa
» Il lavoro nobilita l'uomo
» Che fine ha fatto baby Jane
» Un lavoro da sogno
» come inserirsi nel mondo del lavoro: la mia esperienza!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Monastero Aristotelico di San Domenico :: Opifici Monasteriali :: Laboratorio Artigiano-
Andare verso: